«Passa il tempo, passa la bufera»: il bollettino della terza settimana

Passare la soglia. Non possiamo evitare di occuparci, nel primo weekend di fase due, del passaggio intercorso durante questa settimana. Pensiamo alle soglie. Per il geografo Franco Farinelli, il confine non è sempre stato una riga su una mappa. In epoca pre-moderna, prima cioè che gli Stati cosiddetti moderni ne decidessero la riduzione a segno cartografico, il confine era una fascia “abitabile”, una specie di terra di nessuno con la propria identità territoriale, la propria cultura ibrida. Il passaggio alla fase due non è un interruttore, ci sembra assomigli un po’ alle zone di frontiera, ricche di mixité culturale e abitudini specifiche. Aiutateci a capire com’è fatto (il passaggio) e come state attraversando questa soglia. 

Qui sotto il bollettino della terza settimana.

Ancora più sotto, potete “pescare” il messaggio nella bottiglia lasciato da un qualche partecipante del terzo questionario.

Infine, potete fare un giro nel rigattiere dei sogni, una raccolta dell’intensa attività onirica che ci avete raccontato in queste settimane. Come sempre sono organizzati per “scansie”. Gli stessi sogni sono i protagonisti di uno dei giochi presenti nel prossimo questionario.

Quindi, buon quarto, nuovo questionario: è aperto a tutti, anche a chi non ha compilato i precedenti.

 

Il Bollettino

Ecco il bollettino grafico. Come sempre, abbiamo accorpato le vostre risposte per ambiti o temi, che vedete elencati (numerati dal più ricorrente al meno ricorrente) sotto i titoli a destra, che riassumono le domande del terzo questionario. Nell’infografica, tra un nucleo e l’altro, potete seguire i legami tra le vostre risposte (come indicato nella legenda iniziale) e leggere alcune delle singolarità che abbiamo selezionato, riportate per esteso, scritte in verde. Buon viaggio.

(puoi cliccare sull’immagine per ingrandire la visualizzazione oppure fare download del documento)

 

Message in a bottle

La settimana scorsa vi abbiamo chiesto di lasciare un messaggio nella bottiglia. Le onde li hanno portati a noi, qui sotto li abbiamo raccolti in un unico e rapido susseguirsi di immagini. Pesca il tuo messaggio, metti play e ferma il video totalmente a caso (la messa in pausa del filmato dipende dal tuo device; prova con la barra spaziatrice oppure cliccando direttamente sull’icona ⏸). Cosa ti ha portato il mare? 🙂

 

Il Rigattiere dei Sogni

Una raccolta dell’intensa attività onirica che ci avete raccontato in queste settimane, come sempre organizzati per “scansie”.

________

________

 

A volte ritornano 🗿

  • L’altra sera ho litigato con il mio ragazzo, una brutta litigata. Mi sono addormentata piangendo. Poi ho sognato mia nonna. Non sapeva di essere morta e si comportava normalmente. Io non volevo dirle che era morta per non darle un dispiacere, ma a un certo punto ho dovuto dirglielo e lei doveva andare via, ma prima mi ha abbracciata. È stato un abbraccio lungo e caldo. Da quando è morta (a dicembre) ho sempre sperato di sognarlo e ancora non era successo. Ho pensato che avesse visto che ero triste e che fosse venuta a consolarmi con il suo affetto. Mi sono svegliata felice e grata di averla potuta riabbracciare.
  • Ho rivisto mia madre, in ospedale. Dichiaravo che dovessi andare a trovarla.Mi angosciavo, nel sogno, di non averlo fatto prima( intendo di andare a trovarla)
  • Io al ritorno da scuola sento fuori dal cancello di casa i miei genitori che litigano e decido di non entrare, ma mi vedono e mi chiamano perché il pranzo è pronto
  • Sono costantemente coinvolta in sogni con le persone che ho perso
  • Ho sognato che un ragazzo che conosco. viveva nel palazzo di fronte al mio, lo beccavo mentre stava sdraiato sul suo terrazzo condominiale che io osservavo dal mio terrazzo (non esiste un palazzo così di fronte al mio) ero stupita e contenta di sapere che abitasse così vicino a me!
  • Ero tornata a insegnare danza alle bambine, in un teatro che appartiene alla mia infanzia
  • Ho sognato di vagare per casa ed esclamare all’improvviso: ma io ho un balcone che si affaccia sul mare, come ho potuto non ricordarmene?
  • Sogno spesso la mia ex compagna, forse perché mi deve un sacco di soldi.
  • Sogno la vita di prima
  • Ho fatto sogni confusi, che non ricordo con nitidezza. Sono sicura di avere sognato un mio ex, ma l’unica cosa che ricordo è che nel sogno sentivo l’odore del suo corpo. L’ho notato perché ho pensato che fosse strano sognare un odore.
  • Sogni intensi ma non nelle ultime due notti. Più volte mia madre morta, sorridente, incoraggiante…
  • “Sogni di parenti di recente o nel passato mancati. Sogni di viaggi e persone che vorrei rivedere, sogni persone (ex) che non ci tengo a rivedere”
  • Continuano a venirmi a trovare persone morte, e mi rendono i sogni divertenti usando il sense of humor di quando erano vivi
  • Ricordi pessimi ma ho il ricordo di aver sognato stanotte una coppia di ragazzi africani che mi parlavano in una strana lingua e me ne stupivo. e poi gli ex….ma perchè si sognano tutti gli ex in quarantena?
  • Parole sussurrate dagli antenati come queste: basta fare programmi

 

Congiunti 🤦🏼‍♀️

  • Persone reali e personaggi di libri e televisione che si incontrano nel sogno
  • Ho sognato di essere dai miei nonni in Puglia e che la mia amica storica stava passando a prendermi per andare al mare come un qualsiasi giorno estivo, e ho percepito la paura che fosse un sogno, che non fosse realizzabile veramente.
  • Matrimonio
  • “Ne ricordo solo uno: Dovevo pranzare con mio babbo, arrivata da lui mi dice che ci avrebbero pagato un pranzo in una villa in campagna per una grande cerimonia e il pernottamento là. Un po’ stranita accetto senza difficoltà. Al pranzo eravamo nemmeno dieci, alla fine e né io né mio padre conoscevamo nessuno. Al tavolo c’era Marco DaMilano ed ho pensato potesse essere una buona occasione per immergermi in discorsi interessanti e in riflessioni profonde. In realtà ha parlato tutto il tempo con altre due persone di cose noiosissime e monotone… il sogno è continuato poi con una passeggiata fatta da sola nel quartiere vicino alla villa dove mi sono persa e mio padre che mi chiama dicendo che se n’era andato…”
  • Ho sognato i miei genitori insieme. Succede molto raramente
  • Ho sognato due notti fa che uscivo con mia sorella, non potevamo abbracciarci, ma ci sedevamo all’aperto su di un muretto e chiacchieravamo
  • Ho sognato di svegliarmi a casa di una coppia di miei colleghi, insieme a una cara amica conosciuta al liceo. La sera prima avevamo partecipato a un evento che era finito tardi e loro ci avevano accolto per la notte. La casa però è quella di una zia rimasta vedova più di 10 anni fa, e scopro così che gli ha affittato una stanza. Mentre facciamo colazione, con pancakes ai frutti di bosco, lei compare in cucina e la saluto calorosamente. Come sempre, si lamenta dei suoi malanni, e io cerco di rassicurare i miei colleghi sul fatto che lei fa sempre così, perché ha un forte bisogno di attenzione.
  • Ero in macchina con un’amica e stavamo scegliendo la pizzeria in cui andare. un amico era arrabbiato per non mi ricordo che cosa e stavamo dicendo che a volte le relazioni sui social possono essere finte e superficiali e non tirar fuori la parte più profonda di noi. poi ci ha fermato la polizia e…..hanno suonato alla porta e mi sono svegliato.
  • Sto sognando molto più del solito ma non ho grandi ricordi tranne di aver sognato una mia amica conoscente che abita lontano ma non ricordo altro
  • Pochissimi, a causa della mancanza di distrazioni diurne. Ho sognato incontri con amici
  • Paura della distanza dalla famiglia
  • “Uno zio lontano. L’ex compagno lontano. Tutto in serenità”
  • Aerei che si perdono. Roma. Londra. Persone che lasciano le fidanzate, paura e insicurezza. Voglia di riabbracciare il mio fidanzato.
  • Dopo la storia dei congiunti sono andata a dormire talmente incazzata che ho sognato di divorare carne cruda.
  • Ho sognato spesso di essere a casa mia, insieme ai miei genitori, a mia sorella e agli amici/ amiche che non vedo da tempo. Ho sognato molti cani e molti posti naturali. Faccio buoni sogni, pochi incubi.
  • Ho sognato mia madre, forse anche mio padre.

 

Covid 🦠

  • Quasi tutti i sogni sono immersi in situazione di emergenza Covid, ambientati in campi militari o istituti. in uno degli ultimi venivo messa a dormire in camerata con un amico. mi guardava dormire e mi fotografava le braccia.
  • Stavo cercando di contare i malati e i contagiati
  • Nuotavo nella piscina condominiale, e mi stupivo che fosse aperta, senza far rispettare le distanze di sicurezza.
  • Ho sognato un mio caro cugino morto x covid 19 che mi chiedeva un pezzo di una fetta di pancetta coppata che avevo nel mio piatto e sorrideva mentre la gustava
  • “Ho avuto il mio primo covid-related sogno. Una signora del quartiere stava per morire e la vicina di casa mi ha chiamato al telefono per chiedere se possiamo venire ad aiutare. Ho chiesto come mai stava cosi male. Ha detto che fosse una polmonite. “Vera, ma e’ il coronavirus!”” Lei ha detto, lo so e si e messa a piangere. Come per dire, sarò io la prossima. Ho provato paura.”
  • Ho sognato che una mia amica residente a Reggio Emilia aveva contratto il coronavirus e che stavo per rischiare di essere contagiata da lei, intraprendendo un lungo viaggio in macchina verso il sud.
  • Stanotte ho sognato di essere a cena con amici in un ristorante come se nulla fosse. Si rideva, scherzava, eravamo vicini. Poi ad un certo punto ho realizzato che eravamo senza mascherine….ed è stato panico…
  • Che finisca questo tempo
  • Party con Salvini vestito di giallo; cliente che non rispetta le regole perché vuole una cosa proibita (non un bene o servizio essenziale)
  • Ho sognato di aver contratto il virus e di essere finita in un altro mondo in cui mi sentivo molto sola, incapace di tornare ai miei cari. In questo mondo incontravo Obi-Wan Kenobi che mi consolava abbracciandomi.

 

Erotico 💋

  • Sogno spesso di tornare a Milano a prendere la mia macchina fotografica, dei vestiti estivi e il vibratore.
  • Una scopata fenomenale che ex amici/compagni di superiori
  • Un sogno erotico con una persona che mi piace molto e che non posso vedere…
  • In sogno ho fatto sesso con l’ex fidanzato di una cara amica, che non mi è mai piaciuto. Manco in sogno, una soddisfazione, cribbio…
  • Ho sognato di essere Timothèe Chalamet che faceva sesso per la prima volta.
  • Cibo
  • “Ho sognato più volte interazioni con la persona con cui sono stata più a lungo. E sogni erotici, spesso castrati, ahimè”

 

Figli 👧🏼👦🏾🧒🏿

  • Ci parlavamo con mia figlia occhi negli occhi, sapevamo che non potevamo toccarci, ma “toccavamo” un argomento lontano nel tempo ma un po’ sempre presente, perché è stato una grande ferita per lei e anche nella nostra relazione. Trovavo parole che avevo cercato invano tante volte, riuscivo a dire quanto in realtà le fossi stata vicina allora e dopo, benché i miei comportamenti e le mie parole non fossero sempre stati quelli giusti. Ci commuovevamo, e lei prendeva l’iniziativa di abbracciarmi e poggiare la sua guancia sulla mia per un lungo minuto (la cosa straordinaria è che alcuni giorni dopo, senza che parlassimo di nulla, quel gesto lei li ha fatto davvero)
  • Ho sognato di entrare nella zoom room di una mia collega ungherese. Lei stava mangiando con le sue figlie sotto al tavolo della sua sala da pranzo e appoggiava l’Ipad per terra. Potevo sporgermi dallo schermo e raggiungere i piatti e il cibo. La aiutavo a servire il cibo alle bambine. Pensavo “ottima questa nuova funzionalità di zoom”. Sogno spesso i Pokemon 😐 (guardo una puntata coi bambini prima di dormire).”
  • Uscivo a fare shopping con mia figlia
  • Dovevo partorire un bimbo, ma è nato morto. Non l’ho nemmeno visto, ero tranquilla
  • Ho sognato che una mia amica si disegnava con una proboscide viola, lei la scuoteva. Stanotte ho sognato di avere una figlia, la bambina era un po’ bruttina.

 

Incubo 😱

  • Ero su una nave da crociera nuova e enorme. Stiamo per entrare in una tempesta apocalittica in mare aperto quando ci fanno evacuare con un traghetto fino a terra.
  • Ho sognato la mia gatta che perdeva sangue dalle zampe.
  • Non ne ho fatti. Nella scorsa erano incubi però
  • Solo incubi. Di solito il non riuscire a raggiungere un posto. Ricordo bene la sensazione di frustrazione. L’essere messa alla prova ma non avere gli strumenti per superarla.
  • la perdita di uno zaino….dove dentro c’era tutto quello che mi serviva e il bisogno di ritrovarlo.
  • un animale tra i capelli
  • Morte
  • “Non ricordo quasi mai i sogni. L’unico di cui ho memoria è angosciante. In questo sogno ho sorpreso un estraneo (sottoforma di ombra scura) in casa mia.”
  • Avevo due gemelli maschi, di circa 8 mesi. Uno si stava per soffocare e portavo l’altro a mia madre, per salvare almeno lui di sicuro nel frattempo. Non sapevo che fare.
  • Sogno spesso di essere nella mia casa natale e anche questa settimana l’ho sognato più volte. Vi devo confessare che ho anche sognato di fare la pipì in piedi..usciva dai pantaloni e correva giù lungo le scale verso una persona che era seduta su un gradino..e mi sentivo così in colpa e impotente..
  • Ne ricordo, stranamente, due, questa settimana, ma purtroppo non riguardano DaMilano o altre personalità simili! Nel primo partecipavo ad un matrimonio o comunque ad una festività importante di un’amica del mio ragazzo. Il mio ragazzo si avvicina per salutare e fare gli auguri alla sua amica, chiedendomi una foto. Iniziano a guardarsi intensamente e a a baciarsi teneramente in bocca. La mia mente decide di interromperlo lì e nel dormiveglia cerco di cambiare pensieri. Nel secondo -lasciando alcuni dettagli per non farvela troppo lunga!- decido di partecipare ai festeggiamenti del 25 Aprile con amici di vecchia data di mia mamma, che mi aspettano in macchina mentre cerco di entrare in una residenza -situata in mezzo ad una conca rocciosa con cascata annessa meravigliosa- per prendere altri vestiti, in cui non riesco ad entrare perché mi manca la chiave, cadendo così in una serie di sensi di colpa mistici per il tempo che sto impiegando…
  • Me ne ricordo solo uno. Una bancarella di scarpe di cui mi fidavo mi rubava tutte le scarpe e le rivendeva.
  • Stanotte ho sognato che, come conseguenza della crisi economica che si prospetta e che ci sarà, perdevo il lavoro e per campare mi mettevo a guidare gli autobus in città. Non ero brava e ad un certo punto, bus pieno, in via Mazzini vedo il gatto di un’amica a bordo strada. Sicuramente le è scappato via. Cerco di recuperarlo, ovviamente invadendo l’altra corsia e rischiando un frontale in una strada che ormai ha le dimensioni della tangenziale. Rischio di uccidere tutti, me compresa, e lascio stare. A fine giornata torno a casa (ho in affitto una specie di soffitta scura e polverosa all’interno di una casa di una qualche famiglia, che per di più non mi vuole in mezzo ai piedi). Questi sogni da piccola fiammiferaia metropolitana spero si interrompano subito
  • spesso incubi
  • Incubo, bambini che correvano spaventati che cercavano aiuto, nello sfondo città e strade diroccate, io guardavo dalla finestra ed ero impaurita e arrabbiata, mi sono svegliata dopo il lancio di lacrimogeni sui bambini che sparivano nel fumo bianco
  • Ho sognato molto spesso di trovarmi in situazioni di difficoltà cosa che fuori da questa situazione non mi capita spesso
  • Giaceva su una barella in un’istituzione che non gli permetteva di andarsene, ero al suo fianco. È scalzo, mi abbraccia la schiena e la sua sensazione mi perseguita
  • Un sacco di sogni di cui non ne ricordo nemmeno uno, ma so che erano tutti brutti.
  • Ho sognato di essere tornata a lavorare dove lavoravo 3 anni fa, nella mia città natale, e le mie colleghe mi stavano spiegando i lavori in corso ma era una situazione strana perché il capo non c’era e molte cose non sapevamo come gestirle senza di lui. Tuttavia era fuori discussione chiamarlo perché gli era successo qualcosa di molto brutto anche se nessuno diceva cosa. (Il mio ex capo nella realtà ha perso il padre e il fratello nel giro di pochi giorni).
  • Sogni estremamente vividi e conturbanti. Uno di questi: una Sitting Ball o Wellness Ball (non so come si chiami davvero) che si allarga fino a schiacciarmi contro il muro e prendere possesso della stanza.
  • Ho sognato di essere con un’amica transessuale a Bologna, di notte, e difendere alcune prostitute, trans anche loro, da un gruppo di maschi che le importunava per il loro essere transessuali.
  • Ultimamente faccio molti sogni, strani, molti li dimentico. Sta notte ho sognato di essere bullizzata in una specie di biblioteca-bar in cui nessuno lasciava sedere me e un’altra ragazza; ho cercato di farmi valere, ma non ha funzionato.. abbiamo dovuto cercare un altro posto, con la coda fra le gambe
  • Non ricordo con esattezza, ma ho sognato più di una volta di essere inseguita da fantasmi. Non era un bel sogno, per nulla!
  • Andavo in vacanza a Rimini, con una amica, c’era moltissima gente, dovevamo mangiare, ma tutti i ristoranti erano strapieni. Mi sono svegliata molto angosciata.

 

Liberatorio 🧚🏼‍♀️

  • Ho sognato che amici facevano di casa mia uno studentato. Ne ero felice.
  • Espellevo feci mentre ero a tavola con mio fratello e lui, involontariamente, le schiacciava
  • Ho sognato di sparare con una pistola, seduta tra i banchi di una sorta di classe. I colpi partivano senza che me ne accorgessi, in maniera involontari, ma non ferivano nessuno, ricordo che non era quella l’intenzione. Ho letto che sognare di sparare l’imminente liberazione, la capacità profonda di prendere in mano una situazione e scrollarsi di dosso ansia e preoccupazioni
  • ceneri che vanno a fuoco
  • Impennare su una vespa 50
  • Una mia amica veniva a casa, infrangendo la quarantena, per farmi assaggiare delle lenticchie bianche con una crema alla fragola
  • Sogno molto, ma non ricordo cosa
  • Io mio figlio il mio compagno e i suoi figli al mare . Soli completamente in una lunghissima spiaggia di sassi.
  • Ero in montagna e camminavo con una serie di persone che non avevo mai avuto modo di vedere assieme, si parlava e si dormiva in altura.. semplicemente si stava bene – non aveva una trama particolarmente complessa, era molto lineare
  • “Durante i primi giorni di quarantena andavo spesso a bagnare le piante a casa di un amico che non aveva la possibilità di farlo. Nel sogno, il suo condominio era all’improvviso diventato una specie di hotel, con spazi comuni lussuosi e nuove porte blindate all’ingresso di ogni appartamento.”
  • Ho sognato che ero nella mia città natale con i miei genitori e la mia sorella. Eravamo all’entrata dei giardini pubblici, dove si stava svolgendo una festa; il luogo era affollato, e le persone camminavano felici, c’era della musica e tante bancarelle dai tendoni bianchi. All’ingresso, prima di varcare il cancello dei giardini incontravo tutte le mie amiche storiche e ci mettevamo a parlare, fino a che non vedevo passare un’ulteriore amica alla quale correvo in contro perchè sapevo che sarebbe rimasta solo pochi giorni in città. Dopo un’abbraccio caloroso ci sedevamo sull’erba del prato e facevamo una sorta di pic-nic, fino a che arrivava mio padre avvertendomi che se volevamo mangiare dovevamo sbrigarci, perchè avrebbero smontato presto le bancarelle. Infatti queste cominciavano a sparire una alla volta, lasciando spazio ad un tramonto giallo intenso.Voltandomi vedevo nuovamente mio padre che avvicinandosi portava tanti cartoni contenti della pizza e mi diceva di non essere riuscito a trovare altro per cena, e che mi avrebbe aspettato a casa con il resto della famiglia.
  • Purtroppo li dimentico quando passano i giorni.. Ma stanotte ho meditato con un gruppo online e l’ho vissuto come un sogno. La mia anima c’era, ma il mio corpo dormiva in frequenze theta.
  • Ho sognato di andare a cavallo.
  • Era un sogno che sapeva di sole e di sale e di vento
  • Una pera di eroina, leggerezza e senso di non ritorno
  • Fughe
  • https://www.instagram.com/p/B2irJvXHT0JdgrvuhyNHzt0z0cLlL_jk15YOiM0/
  • Parchi e sole
  • Al solito, bella domanda! Ma voglio rispondere questa volta. Leggo ovunque di sogni intensi e brillanti: io ho sognato di provare dei vestiti in un camerino di un negozio e ho deciso di non vergognarmene.
  • Sogni positivi

 

Premonitore 🔮

  • Stavo facendo un servizio fotografico in piazza maggiore c’era un concerto o le prove di un concerto i musicisti erano sotto il portico a lato della piazza dove ci sono i bar con i tavolini fuori.. l’orchestra inizia a suonare e io a fotografare poi a poco a poco arriva una tempesta ma loro non si fermano e continuano a suonare. Il pubblico inizia ad andarsene ma non tutti, molti si fermano ad ascoltare la musica sotto la pioggia. Io cerco di fotografare questo momento ma è notte e non riesco a immortalare la pioggia che cade sulle persone provo allora a concentrarmi sulle emozioni che provo. Di colpo mi ricordo che sono in ritardo e devo mettermi a studiare. Mancano solo due giorni all’esame, ho poco tempo per prepararmi, c’è Matteo Lepore che da indicazioni su come fare l’esame che consiste nel saper descrivere le emozioni che si provano. Mi sale un ricordo dal futuro e capisco che in realtà sono stato mandato indietro nel tempo per cercare di rivivere delle emozioni dimenticate per poterle poi studiare, descrivere, raccontare e rivivere.
  • Stanotte ho sognato di avere il raffreddore.
  • La scoperta del tappo. Ho sognato problemi di varia natura che risolvevo col tappo. Mi appariva un tappo, sempre diverso e mi rasserenavo… Sapevo che non era “la soluzione” ma un primo passo… un passo avanti
  • lei è con un uomo, io la raggiungo, raccolgo due dadi da terra e li dono uno a lei, uno a lui. restiamo io e lei. lei è dolce e aperta, parliamo sereni. ora siamo in una vecchia casa, lei è nella stanza, io nudo in corridoio non voglio mostrarmi così, trovo un pareo, lei esce dalla stanza è insolitamente truccata. sorrido e mi chiedo ‘dove andrà?’
  • “Ero in spiaggia, seduta su una sedia bianca di plastica, guardavo le persone in un campo da beach volley fare qualcosa, forse ballare. Avevo caldo così decisi di spogliarmi, restando in mutande e reggiseno con il mio marsupio in cui tenevo due costumi da bagno. Decido di cercare un posto in cui mettere il costume, avviso Sasha, un mio amico, ma prima mi allontano per andare a riprendere le mie infradito: all’entrata della zona beach era pieno di infradito, alcune sommerse dalla sabbia, era un caos e molte persone come me si lamentavano perché non riuscivano a trovare il proprio paio. Sento Sasha chiamarmi da lontano, così cerco di sbrigarmi e decido di cercare un posto dove mettere il costume: tutte le docce però sono occupate; ora è notte, non vedo bene quali possono essere libere. Ne scopro una, ma questa è accesa, improvvisamente sono tutta insaponata e anche bagnata, non riesco a sciacquare via bene tutto il sapone. Credo di urtare un’altra persone che cerca di entrare in doccia. Finalmente ho il costume: mi ritrovo a specchiarmi di fronte ad un grande specchio incorniciato, mi sistemo il costume e Sasha è proprio dietro di me ad osservarmi. È sempre notte, ora mi trovo su una collinetta nello stabilimento balneare con altre due persone che hanno portato dei DVD; si unisce anche una famiglia, il signore che sta con loro si lamenta perché non trova mai quei film e da la colpa per qualcosa alla sua famiglia. Guarda incuriosito le custodie dei film. Iniziamo a vederne uno, sembra un film di fantascienza: in una delle scene un vecchio signore dagli occhi bianchi rivela qualcosa di importante, ma non ricordo cosa. C’è anche un bellissimo attore nel film, lo dico ad alta voce: sembra assomigliare a Sasha, ad un certo punto lui è accanto a me, forse ci siamo sorrisi.”
  • Non ricordo molto bene, ma sono sicura di aver sognato la mia ex ragazza in situazione futura.
  • questa notte ho sognato di abitare in un castello enorme e di ristrutturarlo e ripensarne gli spazi – i miei in particolare – alla luce di nuove esigenze e desideri
  • “Ho sognato che dovevamo realizzare un progetto di potenziamento del mercato ittico nelle zone interne dell’Appennino come – credo- motore per la ripresa del turismo estivo. Tutt* mi dicevano che era una idea geniale, io ero piuttosto titubante ma mi ricordo grandi quantità di pesce che passavano sotto le mie mani”
  • Ho sognato che compravo una tuta di peluche fatta a orso..e 4 bottiglie di vino
  • Ho sognato di partecipare ad una gara canora con un’amica, facevamo un duetto! Eravamo le ultime in programma. Io timorosa, lei super spavalda. Mi sono svegliata mentre ancora attendavamo.
  • Sogno quello che vorrei farei di giorno

 

Romantico 💕

  • Ho sognato di volare fra le braccia del mio pianista preferito. Ho sognato di dormire dolcemente mano nella mano con un prete che da ragazza era il mio confessore. Due sogni dolcissimi.
  • Un uomo mi spostava i capelli dagli occhi. Gesto molto gradito.
  • Transformers e xmen innamorati si rincorrono in un mondo postapocalittico pensando a ciò che poteva essere
  • Ho sognato di cantare il cielo in una stanza. Ma anche che lui veniva a prendermi con una macchina rosa piena di cibo e bottiglie di vino buono da bere.
  • Mi manca la città, l esplorarla in bici, la montagna e qualcuno..
  • questa sera sognerò il mare
  • Ho sognato che era estate, una giornata di sole bellissima e calda, ed io mi trovavo su di una barca di legno a remi con un amico immaginario. Egli remava su di un fiume dalle sponde rigogliose di verdi alberi. I suoi lunghi capelli biondi brillavano alla luce del sole ed aveva solo dei pantaloncini bianchi. Io me ne stavo seduta felice, ad occhi chiusi a godermi il sole sulla pelle; il vento mi scompigliava i capelli, ed ero cullata dalle onde che muovevano la nostra barca.
  • Filantropi per la ns no profit ed un futuro migliore!

 

Smemorando 💤

  • Non ne ho memoria, la perdo
  • non ricordo quasi mai quello che sogno… ho solo un’immagine però, qualcuno mi aveva disegnato per una rivista, ma il mio naso era troppo grande!
  • Webinar interrotti, call lasciate a metà. Assenza di memoria
  • Nessun sogno, mi dispiace
  • Sognavo che stavo dormendo
  • Non ne ricordo nessuno
  • non ricordo quasi mai i sogni e ultimamente non ci sono state eccezioni
  • Non ricordo più
  • non ce l’ho
  • Ho fatto solo un sogno strano ma non lo ricordo.
  • uno spazio occupato da gente che non faceva niente
  • Purtroppo scordo i sogni, ma ricordo di aver sognato probabilmente più del solito
  • purtroppo non ricordo i sogni
  • non sogno
  • io, purtroppo non ricordo mai i sogni
  • non ne ricordo nemmeno uno
  • Ahi, ricordo di essermi svegliata un giorno ricordando, incredibilmente, il sogno appena finito, ma mi è già passato di mente..
  • Nessuno questa settimana
  • non me ne ricordo!
  • Non li ricordo. So che mi stancano
  • finte porte che contengono porte più piccole, vere, che si aprono con un codice (stile citofoni francesi). Il codice è però dimenticato
  • Molto articolati, ma troppo personali…
  • Confusi
  • Il mio capo che vuole andare in pensione. Sonno più breve e con sogni che nn ricordo
  • Non ci sono sogni che io ricordo!
  • Sonno a mille. Sogni a zero.
  • non sto sognando nulla che mi rimane in mente. Non mi ricordo cosa sogno
  • so di aver sognato tantissimo specialmente nelle ore che precedono l’alba, sogni diversi che si accavallano ma stranamente al risveglio non ne serbo memoria
  • Nessuna suggestione particolare
  • Purtroppo questa settimana i sogni non li ho memorizzati, sarà per la prossima volta.
  • Questa settimana ho sognato tanto e ho dimenticato tutto. C’è un interpretazione anche per questo? Forse sogno ad occhi aperti
  • dopo le prime settimane in cui facevo tantissimi sogni adesso è smesso tutto. non mi ricordo mai niente.
  • rispetto ai sogni notturni sinceramente non ho ricordi particolari di questa settimana. Per i sogni intesi come “”intenzioni”” future sicuramente c’è il desiderio di andare in montagna di giorno e di notte e di camminare svariate ore
  • Dormo male, non ho sognato nulla sta settimana. Peccato, ci ero quasi abituata.
  • Ho molta poca memoria dei sogni in questi giorni
  • Non ricordo quelli notturni. Quelli ad occhi aperti si; vita all’aria aperta, viaggi, tornare ad incontrarsi con le persone care… Desidero meno macchine in giro e molte più bici, comportamenti equo sostenibili… Aiutare l’ambiente ad aiutarci a fare scelte più sane
  • purtroppo anche in questo periodo non ricordo i sogni.
  • purtroppo non ho ricordi consistenti dei miei sogni di questa settimana 🙁
  • Non li ricordo.
  • niente sogni. li dimentico, on purpose 🙂

 

Sottosopra 🔄

  • Ho sognato Bologna (il centro) sott’acqua e capovolto. Io ero in after.
  • Insegnavo alle api dove andare a mangiare. Sbattevo le braccia e le mani velocemente per farmi capire, mi avevano detto che così mi avrebbero inteso. Sono 2 api grandissime, solo 2 e le guido verso un fiore che in realtà è una specie di bicchierino con dentro una cremina arancione. Loro vanno, funziona, mangiano e poi le guido in un altro luogo che non so più cosa fosse o dove fosse
  • ho sognato una cara amica che mi faceva vedere la sua nuova casa, ristrutturata. mi siedo sul divano e lei è davanti a me. anzi loro sono davanti a me. sono due della stessa persona. una è un fantasma che provo a toccare ma è inconsistente.
  • Passeggiavo in uno dei nostri borghi italiani con sali e scendi e case in pietra, basse, coi tetti a vista. Era una città sull’acqua ma in un altro tempo, dall’umore medievale. Anch’io ero vestita con un’ampia gonna e uno strano copricapo a visiera dallo stile contadino e passeggiando parlavo con le donne che incontravo sulla soglia delle loro case. Era una passeggiata senza scopo. Sapevo che c’era qualcuno con me. Era il mio cane, che a passeggio, anche lui, s’infilava nei varchi aperti delle case, la gente lo conosceva. E’ quando lo chiamo ad alta voce, perchè chissà in quale casa si era infilato…che lo vedo buttarsi da una finestra di corsa senza sapere che lì sotto c’era proprio uno dei canali su cui era sospeso questo paese. Lo vedo volare. Seguo il volo con lo sguardo, impotente, da una scala che si affaccia su questo pezzo di canale. Cadendo atterra quasi a riva, a metà sul cemento. Corro a soccorrerlo, lui mi guarda e ha la schiena rotta in due. Ma è vivo.
  • Più che il racconto di un sogno, condividerò un’impressione: i momenti di tensione, preoccupazione e paura che proviamo in sogno sono quelli che che più rimangono fissati nella memoria durante le prime ore dopo il risveglio.
  • Ho sognato di fotografare la mia casa e di avere la stanza invasa dalle valigie
  • Sono sempre delle quest. Devo trovare qualcosa, recuperare qualcosa da dare a qualcuno, raggiungere un certo posto o una certa persona.
  • Ho sognato di essere un cavallo uomo antropomorfo
  • Vivevo in una camera tripla con un personaggio violento che era un mix tra il tabaccaio e il vicino di casa. Oltre a noi c’era anche un ragazzo di colore che veniva maltrattato. Il tabaccaio un giorno prende la tv e la spacca per terra. Io non ne posso più di questa convivenza e vorrei cambiare casa ma non so se ho voglia di andare a vivere da solo o in compagnia. Fuori casa ci sono tipi strani per esempio una signora che attraversando la strada lancia ripetutamente in aria il suo cellulare riprendendolo in mano con dei gesti talmente veloci da non riuscire a coglierli nel dettaglio ma solo nel movimento. Sembra una sorta di Bruce Lee con il Nunchaku poi il cellulare vola via è si schianta sul pavimento. Io la osservo lei mi sorride e mi dice che con la sua borsetta è ancora più brava. Si prepara a una nuova esibizione è le dico di volerla riprendere ma non trovo l’app sul cellulare ne ricordo come si fa.

 

Viaggio ✈️

  • Sogno di viaggio: mi ritrovavo in nepal. da sogno a incubo, nel realizzare di aver lasciato a casa il mio taccuino
  • Camminavo in una sorta di ronda popolosa
  • Un viaggio in una crociera da cui non si poteva scappare
  • ho sognato di trovarmi a Singapore e che il sole splendesse così forte che bruciava la pelle
  • Viaggiavo, ero in ostello, c’era tanta gente
  • ho risognato di essere sul cammino di santiago e in galizia camminando sulla spiaggia
  • Ero nel van del mio fidanzato (attualmente in Australia, dov’ero anche io fino al mese scorso). Parlavamo al telefono come se fossimo già distanti come lo siamo ora, io seduta dentro e lui che mi guardava da fuori al finestrino. A fine chiamata -come se ciò possa accadere normalmente in una conversazione intercontinentale- ci salutiamo sporgendoci dove il finestrino era rimasto un po’ aperto e dandoci un bacio, reale, una di quelle rare percezioni incredibilmente fisiche nei sogni. Lui si allontana per andare al lavoro ed io rimango nel van. Penso di rimanere nel parcheggio a rilassarmi un po’ ma poi mettendo il freno a mano il van inizia ad andare indietro. Non potendolo bloccare intuisco che devo spostarmi da lì ed inizio a guidare il mezzo in maniera assurda: al contrario, come se andassi in direzione opposta alle mie spalle e utilizzando i pedali in maniera impossibile nella realtà. Dopo alcune peripezie cercando di divincolarmi fra le macchine circostanti mi ritrovo in un viale alberato della mia città, dove sono attualmente. Intravedo un vigile urbano e -come ricorrente in molti sogni di questa quarantena- temo mi fermi. Penso che gli direi che sto andando al caseificio ma alla fine lui si posiziona al lato di questa strada e blocca un auto che passa proprio prima di me. Io continuo a guidare liberamente e poi mi sveglio.
  • Ero al mare. In campeggio con mia moglie. E bevevo birra fredda.
  • sogno ogni giorno a occhi aperti un viaggio in Grecia!
  • Dovevo fare in fretta le valigie per trasferirmi qualche giorno a casa di una cara amica ma nonostante la permanenza si prospettasse breve ero affannata nello scegliere quali abiti, scarpe portare con me (addirittura prendo un pacco di biscotti). La cosa più strana era che dovevo sbrigarmi anche perché sarebbero passati a prendermi e sarei andata in aeroplano fino al paesino dove abita la mia amica (nel sogno questo distava solo 20 minuti in macchina da dove mi trovavo ma non c’era altro mezzo per raggiungerlo!) … :/
  • Ho sognato di dover fare un viaggio a Bologna ed essere impossibilitata
  • Non ricordo con precisione ma in questi giorni sogno spesso di tuffarmi in acque cristalline sotto un sole caldissimo
  • Nei sogni ultimamente viaggio in auto
  • Sogni di altrove.