Per noi innovazione sociale è cura.

Per noi rigenerazione urbana è coesione sociale, fiducia e creazione di relazioni.

Per noi il lavoro deve avere la stessa qualità del tempo libero. Per questo l’organizzazione va progettata con cura, gli spazi devono essere inclusivi, generativi, creativi e stimolanti. Curiamo le relazioni perché siano al centro della creazione di valore, e ripensiamo l’organizzazione del lavoro perché sia occasione di incontro e scambio, apprendimento e innovazione, dignità e opportunità per le persone.

Crediamo nel valore della collaborazione tra pubblico-privato-società civile-terzo settore, e per farlo ci vuole trasparenza e rendicontazione.

Il percorso fatto finora è stato possibile grazie alla capacità di visione e alla forza dei legami che ci uniscono, tra noi e con la fitta rete di soggetti che rendono le Serre e Kilowatt un organismo vivo, con un cuore pulsante.

Ma il consolidamento di un approccio necessita di momenti di allineamento e di condivisione della visione e degli obiettivi, momenti coesivi che rafforzano il gruppo di lavoro, generativi e creativi perché arricchiscono l’organizzazione con il contributo di tutti.

Per questo pubblichiamo ogni anno un Bilancio, come strumento per riflettere sulle sfide che abbiamo cercato di cogliere e i risultati raggiunti, i compagni di viaggio, gli insegnamenti appresi, gli impatti generati.  Per noi il bilancio di impatto è, prima di tutto, uno strumento che serve a questo: a un riallineamento interno e con gli interlocutori di riferimento. Accompagniamo chi lo vuole adottare ma, come sempre, prima, lo applichiamo su di noi!

Una tacchetta sul muro che ci ricorda che crescere è bello, e farlo insieme ad una comunità lo è ancora di più.

Di seguito:

Bilancio d’impatto 2016, che oltre ad un Bi-lancio è un Ri-lancio 

[clicca qui per scaricare il pdf]

 

Bilancio sociale 2015: quando abbiamo costruito le fondamenta della casa di Kilowatt